Risultati della ricerca

Il ruolo del notaio nell’acquisto di una casa

Postato da elisa on 14 aprile 2020
| News
| 0
Il ruolo del notaio nell’acquisto di una casa

Il notaio è uno dei protagonisti di una compravendita immobiliare ma qual è effettivamente il suo ruolo? Quando ci si rivolge ad un notaio per l’acquisto di una casa, cosa ci si deve aspettare? Quali i costi da sostenere? Quale la documentazione che occorre?

Partiamo col dire che senza l’intervento di un notaio è impossibile trascrivere l’atto di compravendita finale ed è impossibile far sì che la propria vendita sia visibile nei Pubblici Registri e che quindi lo stesso immobile non possa essere venduto a un altro acquirente successivo a quello che aveva acquistato prima con una semplice scrittura privata senza l’intervento di un notaio. Già soltanto questo rende indispensabile il ruolo del notaio nell’acquisto di una casa.

Inoltre, il notaio ha il ruolo di garante nell’acquisto di una casa e si occupa della verifica della proprietà dell’immobile in capo al venditore e della libertà dell’immobile da vincoli di vario genere come ipoteche, e trascrizioni di pregiudizio.

Si consiglia addirittura di far trascrivere al notaio anche il compromesso iniziale della fase di compravendita in modo che si possano già fare le opportune verifiche.

Il ruolo del notaio è poi quello di trasmettere l’atto di compravendita della casa all’Agenzia delle Entrate e a trascriverlo presso la Conservatoria dei Pubblici Registri.

Anche se la proprietà di un immobile passa anche senza l’intervento del notaio, tuttavia, senza l’intervento di un notaio l’atto non può essere trascritto nei Pubblici Registri e quindi l’acquisto non è opponibile ai terzi. In tal senso una casa può essere venduta più volte e ci si ritroverebbe nel bel mezzo di una truffa.

Per quanto riguarda le spese, le imposte sono pari al 2%, da calcolarsi sul valore catastale come base imponibile, acquistando una prima casa; il 9%, sempre da calcolarsi sul valore catastale come base imponibile, non acquistando una prima casa. Occorre poi aggiungere alcuni costi fissi e, ovviamente, l’onorario del notaio che varia da consulente a consulente.